L’Inpdap, Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell’Amministrazione Pubblica, nasce con il decreto legislativo n. 479 del 30 giugno 1994. L’istituto ha costituito il polo previdenziale per i pubblici dipendenti, si occupa della liquidazione e del pagamento delle pensioni, dei trattamenti di fine servizio e del trattamento di fine rapporto (Tfr) e offre servizi di carattere creditizio e sociale a dipendenti in servizio, pensionati della pubblica amministrazione e ai loro familiari.

L’Inpdap può erogare, ai dipendenti pubblici, anche dei prestiti sulla base delle proprie disponibilità di bilancio: il finanziamento può essere erogato direttamente dall'istituto o dalle banche che hanno stipulato la convenzione Inpdap ed hanno dunque dei tassi diversi che seguono i criteri di assegnazione dell’Istituto.

Per erogare questi Indpap prestiti, l’Inpdap attinge ad un proprio fondo: la Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali. Questo fondo viene finanziato con delle trattenute sullo stipendio o con le pensioni di coloro che hanno scelto di aderire in modo volontario, facendone richiesta compilando gli appositi moduli. L'adesione è possibile per tutti gli iscritti all'Inpdap a fini pensionistici, e ai dipendenti statali e pubblici anche se iscritti ad altri istituti ai fini pensionistici.

Per ottenere tutte le informazioni sugli Indpap presti dell’Istituto è possibile consultare il sito dell’Inpdap.

Inpdap Prestiti